San Giuseppe tra altarini e tavole

Ogni anno il 19 marzo a Monteparano, piccolo comune del tarantino, si festeggia in grande.

Come da tradizione, a San Giuseppe vengono dedicati altarini e tavole imbandite con pane e succulenti piatti ancora oggi il tratto distintivo di questa festa.

Per capire meglio di cosa stiamo parlando, di seguito alcune delle belle foto scattate e gentilmente concesse da Gianni Miceli.

Annunci

#Taranto, #città dei #delfini

Anche se l’estate è finita ed è arrivato l’autunno, non si può non parlare di mare, vuoi perché la #Puglia ne è lambita da tutti i punti, vuoi perché rappresenta un elemento vitale per la regione e la sua popolazione. In particolare per Taranto, il mare rappresenta parte integrante della città, è elemento fondante della capitale della Magna Grecia, e in combinazione con la figura del delfino ne costituisce l’anima più profonda. Questo fortissimo legame tra  Taras, mare e delfino appare chiaro ed evidente sin dallo stemma cittadino che, come si legge su Wikipedia,

« D’azzurro, al delfino nuotante e cavalcato da un dio marino nudo sostenente nel braccio sinistro un panneggio svolazzante e con la destra scagliante il tridente, al capo cucito di rosso centrato, caricato della conchiglia d’oro, posta fra la leggenda Taras »
(Decreto reale di concessione in data del 20 dicembre 1935)

Sull’argomento Taranto Magna ha fatto un’attenta e puntuale ricostruzione dello stretto rapporto che esiste tra il delfino e Taranto, un articolo che riassume in maniera chiara una storia plurimillenaria tra realtà, mitologia e leggenda spiegando il forte valore simbolico di questa figura animale; per leggere l’articolo cliccare qui.

I delfini che da oltre 4000 anni Continua a leggere

Altarini di San Giuseppe, tradizione e fede

La tradizione di allestire altarini per la festa di San Giuseppe ha origini molto lontane, si tratta di una tradizione della cultura arbërëshe. Gli Arbërëshe rappresentano una piccola comunità italo-albanese di lingua albanese che da secoli popola alcune zone dell’Italia meridionale. Fuggiti tra il XV e il XVIII secolo dall’Albania conquistata dai turchi, come gran parte dell’Impero Bizantino, gli Arbërëshe approdano, alla morte del loro eroe nazionale Giorgio Castriota Scanderbeg, tra Puglia e Calabria. Il profondo attaccamento alla tradizione, agli usi e costumi, alla lingua, all’arte e alla gastronomia ha consentito alla piccola comunità di mantenere intatta la propria ricca cultura nonostante lo scorrere del tempo.

Il grazioso paese di Monteparano, in provincia di Taranto, custodisce Continua a leggere

10 cose da non perdere a Bari, Porta del Levante

Bari, signora del mare e Porta del Levante, è il simbolo di una Puglia da sempre visitata e vissuta da una miriade di popoli diversi che, con i loro usi e costumi, hanno fortemente influenzato la cultura locale.

Tra le meraviglie che il capoluogo pugliese ha da offrire, proponiamo un breve e per nulla esaustivo decalogo di cosa vedere assolutamente in città.

1 –  Il Lungomare e il piccolo Porticciolo; una passeggiata sul lungomare più lungo d’Italia è un’emozione unica. Su di esso si affaccia la Città vecchia che rappresenta il cuore e la storia di Bari.

med_20130829214721_img_3089_med

Continua a leggere

10 LUOGHI DA NON PERDERE IN DAUNIA

La Daunia è una terra ricca di storia, tradizioni e bellezze naturali, è anche terra di devozione e pellegrinaggi tanto da attestarsi come una delle zone della regione con il maggior numero di presenze sia per il turismo religioso, sia balneare.

Ecco i 10 luoghi da non perdere:

1 – le isole Tremiti, rispettivamente San Nicola, San Domino, Capraia e Cretaccio (che più che un’isola è in realtà uno scoglio). Per la bellezza delle coste, la ricchezza dei fondali e la limpidezza delle acque, l’arcipelago delle Tremiti è riserva

Continua a leggere

Cisternino, la città bianca e delle bombette!! 10 cose da…

La provincia di Brindisi custodisce svariati tesori, tra i tanti ve ne è uno in particolare noto per le sue squisitezze mangerecce, stiamo parlando di Cisternino!! Si erge a 394 metri di altitudine in uno dei punti più alti delle Murge, sorge a pochi chilometri dal mare Adriatico, e come gli altri paesi della Valle d’Itria (Martina Franca, Locorotondo, Ceglie Messapica), è dominato dal colore bianco e costellato di curiosi e pittoreschi trulli.

In paese sono stati ritrovati interessanti reperti Continua a leggere